www.theXplan.net OLTRE LA VERITA' UFFICIALE

Non vi chiediamo di credere, ma di riflettere

ANNO XVI


05.03.2019
Progetto X-COVER
Il Gruppo The X-Plan ha avviato da qualche mese un progetto di grafica collegato a indagini, conferenze, articoli e altre attività. I progetti di lunga durata o di particolare importanza verranno annunciati con una cover che ne rappresenta il contenuto. Le cover potranno essere visualizzate sulla Home Page del sito alla sezione PROGETTI.

La Commissione



RUBRICHE/Interviste

Intervista Esclusiva a Tom Bosco, direttore di Nexus New Times

Intervista-Esclusiva-a-Tom-Bosco-direttore-di-Nexus-New-Times
Diego Antolini
1. Tom, Com'e' iniziato il tuo lavoro di ricercatore?

Be’, banalmente, quando ho cominciato a capire che c’era qualcosa da ricercare... quando ho cominciato ad appassionarmi a tematiche fuori dall’ordinario, importanti per comprendere come funziona davvero il mondo e la realtà in cui viviamo. A parte il fenomeno dei cosiddetti “dischi volanti” che tanto mi entusiasmava da bambino e poi da adolescente, il primo spunto di seria riflessione me lo fornì il grande Peter Kolosimo col suo libro Non è terrestre. Paradossalmente, fu proprio il grande Peter a sdoganare argomenti di frontiera che oggi sono al centro della rivista di cui mi occupo ormai da 25 anni... ma a dirla tutta, la spinta definitiva a “ricercare” fu la lettura delle opere di Carlos Castaneda, vero e proprio viatico verso realtà e visioni alternative nonché dimensioni “parallele”.

2. Le origini di Nexus New Times

Da sempre sono convinto che il caso non esista, e se ripenso all’incredibile catena di “coincidenze” (o sincronicità, che dir si voglia) che mi hanno portato prima a conoscere questa straordinaria rivista e poi addirittura a introdurne la pubblicazione in Italia, be’, questa mia convinzione diventa praticamente una certezza. In poche parole: mi trovavo negli USA allo scopo di conseguire il brevetto di pilota commerciale e le coincidenze a cui mi riferivo mi condussero dall’editore statunitense di questa straordinaria rivista pubblicata in Australia. Fu scioccante scoprire tematiche delle quali non avevo mai sentito parlare nel nostro paese e da lì all’idea di realizzarne un’edizione italiana il passo fu assai breve.  Contattai un vecchio amico giornalista che, guarda caso, stava pensando di avviare una piccola casa editrice e con lui, nel lontano 1995, iniziammo la grande avventura che, pur con molte difficoltà, è proseguita sino ad oggi, anche se nel frattempo l’amico Furio Stella ha abbandonato questo piano di esistenza.

3. Qual e' ad oggi l'indagine che consideri piu' importante su tutte quelle che hai condotto nel corso degli anni?

Direi senz’altro quella che sto tuttora conducendo insieme al gruppo The X-Plan sui misteri della Valmalenco, anche se la metto a pari merito con quella sul caso Majorana-Pellizza. Più in generale, però, molte altre sono state degne del massimo interesse: le nuove tecnologie emergenti (con particolare riguardo all’aviazione e agli innovativi sistemi d’arma della Federazione Russa, nonché alla “free energy” e ai rivoluzionari sistemi per la produzione di energia abbondante, pulita e a costo praticamente nullo), le cosiddette “scie chimiche”, gli stati alterati di coscienza in relazione alle tradizioni sciamaniche nell’uso delle “Piante Maestre”… ma l’elenco potrebbe continuare.

4. Quale invece quella che ti ha piu' deluso?

Quella che mi ha più deluso, non tanto per la ricerca in sé quanto per il fatto che non abbia prodotto risultati o iniziative a livello politico, nonostante la sua estrema importanza, è quella sulla cosiddetta “geoingegneria clandestina”... le “scie chimiche” insomma!

5. Anni Novanta, 2000 e 2020. E' cambiato Nexus, la societa' o il nostro modo di percepire la realta'?

Nexus è sempre rimasto fedele a sè stesso, nel bene e nel male, pur accompagnando e coadiuvando un processo di cambiamento tuttora in atto che coinvolge sia la società in cui viviamo quanto, se non di più, il nostro modo di percepire la realtà. Magari non a livello quantitativo, ma qualitativo senza dubbio sì...

Intervista-Esclusiva-a-Tom-Bosco-direttore-di-Nexus-New-Times
6. Come vedi Nexus nell'immediato futuro?

Questa meravigliosa rivista paga lo scotto di un profondo cambiamento nel panorama editoriale del nostro Paese e più in generale nel mondo intero. La gente legge molto meno, sempre più distratta dalle “sirene” mediatiche del cosiddetto “entertainment” (o “infotainment”, come viene definito oggi), e quando legge lo fa su Internet, con tutto ciò che questo comporta a livello di qualità e discriminazione dei contenuti informativi. Qualcuno afferma che “il cartaceo è morto” e che la maggioranza delle riviste stampate siano destinate a sparire. Io non ne sono assolutamente convinto (si diceva lo stesso del vinile con l’avvento dei CD, e oggi troviamo in vendita ristampe in vinile addirittura nelle edicole...), e quindi mi impegnerò a continuare in un modo o nell’altro la pubblicazione della rivista in cartaceo, e non solo nella sua versione digitale (che peraltro aborro: come si fa a leggere da un tablet, un computer o peggio, un telefonino? Mah...).

7. Nexus 137, puoi anticiparci gli argomenti "caldi" che saranno presenti in questo numero?

Oltre ad una serie di interessantissimi articoli sul fronte del benessere e della salute, quello che più mi ha intrigato parla delle migliaia e migliaia di brevetti rivoluzionari trafugati dalla Germania al termine del Secondo conflitto mondiale (si parla di centinaia e centinaia di tonnellate di documenti) e portati in primis negli USA a beneficio delle industrie a stelle e strisce. È la riprova di quanto affermava sin dagli anni ‘50 un grande classico, Il mattino dei Maghi, secondo il quale negli anni ‘30 e ‘40 la Germania scientificamente e tecnologicamente era avanti come minimo un decennio rispetto al resto del mondo (e probabilmente molto di più).

8. Interferenze Aliene: una trilogia di articoli di cui l'ultima parte sara' pubblicata nel numero di Nexus di prossima uscita. Credi che le attivita' dell'uomo siano davvero "influenzate" da entita' esterne al nostro pianeta?

Personalmente credo che questa classificazione (o meglio, distinzione) col tempo sia destinata a sparire. Mi spiego: extraterrestri? Siamo sicuri? Perché non “infraterrestri”? O “extradimensionali”? E poi, la storia che stiamo cercando di ricostruire ci insegna che i cosiddetti “extraterrestri” sono qui fra noi sin dall’alba dei tempi. Anzi, noi umani saremmo addirittura una loro creazione o perlomeno il frutto di una loro manipolazione genetica. La razza umana non è originaria di questo pianeta. Siamo il risultato di un lungo percorso spaziale e temporale che ci ha condotti sino a qui, oggi. E la cosiddetta “influenza” da parte loro non è un’ipotesi, è una realtà. Si legga, a titolo di esempio, il recente Il Risveglio degli Antichi  (ma potrei citarne molti altri) per capire il livello e l’estensione di questa influenza...

9. Su quale indagine stai attualmente lavorando?

Su una per la quale non potrò mai ringraziare abbastanza Diego Antolini per avermi messo, come si dice, la "pulce nell’orecchio". Mi riferisco alla questione della Grande Tartaria, un autentico Vaso di Pandora storico, sociale e tecnologico riguardante una civiltà globale esistita sino a tempi relativamente recenti e letteralmente cancellata dalla Storia e dalla coscienza collettiva. Un tema fra i più affascinanti e interessanti che abbia mai indagato...

10. Le tue dirette con Border Nights e la serie di dirette Facebook con Diego Antolini sulla Grande Tartaria. Cosa vuoi dirci di questi due progetti media?

Posso dire che mi divertono e mi appassionano: è un modo più diretto e coinvolgente per il pubblico che ci segue nella divulgazione di tematiche importanti e il più delle volte insolite. Sinora lo facevo principalmente attraverso le pagine della rivista o gli articoli pubblicati in rete, adesso sto imparando ad utilizzare queste nuove modalità tecnologiche, “Social” come si dice oggi, che consentono una interattività impensabile sino a soltanto qualche anno fa. Mi auguro di migliorare sempre più col tempo la qualità dei miei interventi, e comunque ho la presunzione di pensare che quella con Diego sia davvero, potenzialmente, un’accoppiata vincente, come si dice...
01/04/2019 19:18:45

https://www.thexplan.net/article/482/Intervista-Esclusiva-a-Tom-Bosco-direttore-di-Nexus-New-Times/It
ARTICOLI CORRELATI
PROGETTO-SERPO-112
PROGETTO SERPO #11.2
(X-ZONE / X-PLAN)
INTERVISTA-A-MARIA-MORGANTI-E-LUCIANO-GASPARINI-(ASSOCIAZIONE-LACORONA)-IN-ESCLUSIVA-PER-THEXPLAN
INTERVISTA A MARIA MORGANTI E LUCIANO GASPARINI (ASSOCIAZIONE "LACORONA") IN ESCLUSIVA PER THEXPLAN
(RUBRICHE / INTERVISTE)
PROGETTO-SERPO-290
PROGETTO SERPO #29.0
(X-ZONE / X-PLAN)
Commenti
Nome
E-Mail
Testo