www.theXplan.net
OLTRE LA VERITA' UFFICIALE

Non vi chiediamo di credere, ma di riflettere

ANNO XIX




Live Channel
thexgates.com
E' un nuovo progetto del Gruppo The X-Plan
Alert
La Commissione 31.10.2020
RUBRICHE/Recensioni
DONA IL 5x1000, AIUTA LA RICERCA
dona il 5x1000

IL DIO ALIENO DELLA BIBBIA

IL-DIO-ALIENO-DELLA-BIBBIA
Mauro Biglino
Fonte: Uno-Infinito Editori
 Mauro Biglino approfondisce il suo precedente studio ("Il Libro che Cambiera' per Sempre le Nostre Idee sulla Bibbia" – ndr) sull'interpretazione dell'Antico Testamento secondo la lettera Ebraica. In questa nuova opera si analizza la consistenza reale delle basi ideologiche che, a partire dalla Bibbia, hanno generato l'immensa cornice etica, spirituale/religiosa, e sociale propria delle grandi religioni monoteistiche del mondo.
A partire dai possibili significati del termine Elohim, tradotto come Dio (unico) ma in realta' dalla radice Ebraica foriera di molteplici significati. Se gli Elohim, i "Signori", erano una pluralita' di individui in carne e ossa, venuti sulla Terra per determinati scopi, da dove provenivano?
E' la domanda che l'autore si pone nel Capitolo 4, aggiungendo alle varie ipotesi piu' o meno condivise da altri studiosi, quella Greca della traduzione "Giganti" [Nephilim] come figli del rapporto tra Elohim e Donne Adamitiche (Umane, Terrestri). Biglino propone l'ipotesi dell'assonanza tra la parola Giganti e Orione, costellazione rappresentata come un gigante proprio dai Greci. Una semplice casualita' o una conoscenza precisa andata perduta?
Si passa poi ai temi principali del libro, e cioe' la creazione dell'uomo gia' analizzata nel precedente volume, ma che qui affronta la tematica della creazione del primo uomo ad opera degli Elohim, e della successiva creazione da parte di Yahweh. Interessante la traduzione e successiva interpretazione dei due termini Teema e Tiit dei racconti Sumeri (Epopea Gilgamesh), che nella Bibbia vengono tradotti come Tselem e Afar. Due traduzioni diverse di unici concetti, e cioe' dell'operazione di mescolamento della sostanza vitale degli Anunnaki/Elohim con quella originaria dell'Adam (Ricordiamo che in tutti i testi Biblici e non, l'Adam/Uomo viene "creato" a partire da una creatura che gia' esisteva sulla Terra). Si tratterebbe quindi di una vera e propria operazione di eugenetica da parte dei "Signori dell'Alto" nei confronti della creatura terrestre selezionata. Il parallelismo dei due testi (Sumero e Biblico) porta l'autore a sospettare una certa influenza del primo sul secondo, e di conseguenza la veridicita' storica dell'Antico Testamento se letto come un vero e proprio resoconto cronologico di testimoni.
Il secondo importante argomento e' quello del Monoteismo. Nel Capitolo 6 l'Autore smonta ogni possibilita' dell'esistenza del concetto del "Dio Unico e Onnipotente" nella Bibbia, attraverso due semplici criteri: traduzione letterale del testo e logica. Ci appare cosi' il racconto di una molteplicita' di esseri dotati di conoscenze e tecnologie avanzate, che discendono sulla Terra e si spartiscono il territorio controllando ogni settore personalmente, e poi in seguito assegnandolo a un loro rappresentante Adamitico. La stessa cosa sarebbe successa con Yahweh, uno tra gli Elohim, che avrebbe ricevuto (o deciso di controllare) un territorio, e a sua volta avrebbe scelto un suo "esercito" (Tribu' riunite sotto Mose') per abitarlo e governarlo. Di qui il "patto" tra Yahweh e Mose', un patto che si sarebbe dovuto rinnovare di generazione in generazione, o che si sarebbe potuto sciogliere (opzione non consigliabile vista la sorte che toccava ai "ribelli").
Interpretare l'Antico Testamento secondo l'antica lettera Ebraica (che, va detto, possiede la caratteristica del molteplice significato della parola) riduce di fatto la Bibbia a un testo che racconta la Genesi della Terra e poi il percorso delle tribu' di Israele verso la conquista di un territorio particolarmente ambito dal loro Capo, Yahweh. Non si tratterebbe dunque del Testo Sacro dell'umanita' che riproduce la Parola di Dio inteso come entita' spirituale, onnipresente e onniscente, che ha parlato all'Uomo dandogli la vita, la scienza, e il Mondo. Non di monoteismo si dovrebbe parlare, come puntualizza l'autore, ma semmai di Monolatria, una forma particolare di Monolatria Anarchica intesa come la libera scelta di un "Dio" cui sottomettersi e obbedire, per ottenere vantaggi importanti come terre, potere, ricchezze, e in sintesi una vita di prosperita'.
Questo scenario descritto dal punto di vista Ebraico sarebbe potuto benissimo essere visto dal punto di vista delle altre popolazioni che in quel tempo venivano governate dagli altri Elohim, e le cui vicende sarebbero potute essere registrate (o magari lo sono state) in altrettanti testi. Pensiamo ai seguaci di Baal, ad esempio, menzionato nella Bibbia come un "Eloha" viaggiatore che si assentava per lungo tempo lasciando il suo popolo, i Fenici.
Altro concetto importante analizzato nel libro e' quello dell'esatto significato dei Cherubini, un duplice significato a seconda che essi vengano associati al Giardino dell'Eden o all'Arca dell'Alleanza. Un duplice significato che certamente non e' quello fornito dalla Teologia corrente. La stessa Arca, un mistero affascinante ancora oggi, sarebbe perfettamente descrita nell'originale testo della Bibbia come un apparecchio dai molteplici usi: condensatore elettrico, ricevitore radio, banca dati,...
E che dire della "cacciata" di Adamo ed Eva dal Giardino dell'Eden e conseguente nascita del peccato originale su ogni uomo e donna? Una pura invenzione teologica secondo l'autore, in quanto l'Eden sarebbe stato un luogo preciso a Est della Mesopotamia dove l'Eloha (forse il signore supremo Enlil?) teneva le sue prime creazioni, oltre a diversi strumenti della conoscenza della sua razza, e che solo l'intervento del "serpente" (il fratello Enki?) avrebbe causato la presa di coscienza dei terrestri riguardo la loro "nudita'" (intesa come consapevolezza della propria capacita' riproduttiva) e di conseguenza la cacciata dall'Eden da parte dell' Eloha/padrone.
Dove sta, in tutto questo, l'immane costruzione spirituale avanzata nei secoli successivi al tempo di Cristo, e sempre piu' orientata verso la divinizzazione dei testi sacri, la monoteizzazione di Dio, e l'esasperazione dei concetti di Paradiso, Inferno, Angeli, Demoni, Satana, Lucifero? Concetti che ancora oggi sono la causa di guerre di religione, persecuzione, preghiere e suppliche, rituali satanici o appello ai miracoli, nonche' la sterminata letteratura che ne consegue e la nascita di culture vere e proprie basate su tali elementi?
07/03/2016 15:03:57

https://www.thexplan.net/article/16/ILDIOALIENODELLABIBBIA/It
ARTICOLI CORRELATI
Non-siamo-mai-stati-soli
Non siamo mai stati soli
(INDAGINI / IN ITALIA)
CHI-TRAFUGO-L-ARCA-DELL-ALLEANZA
CHI TRAFUGO' L'ARCA DELL'ALLEANZA
(I VOSTRI ARTICOLI)
Commenti
Nome
E-Mail
Testo