www.theXplan.net OLTRE LA VERITA' UFFICIALE

Non vi chiediamo di credere, ma di riflettere

ANNO XV


VALMALENCO FILES
NEOBATRI E LA VALMALENCO
31.05.2018
TXP 3.0
E' online la nuova versione del sito ufficiale del Gruppo The X-Plan, con un nuovo layout e box tematici per una lettura più immediata ed efficace. Ogni articolo presenta una foto di anteprima e una descrizione testuale. Rimangono i colori ufficiali del Gruppo e il Pianeta X, che dal 2003 ci accompagna nel nostro lavoro di ricerca. Buona navigazione.

La Commissione



RUBRICHE/Interviste

INTERVISTA: ALDO STELLA E DIEGO ANTOLINI – “L’ISOLA FELICE” E L’ENIGMA DELL’INCONSCIO

La Commissione

A qualche settimana dalla presentazione ufficiale del libro “L’ISOLA FELICE”, scritto in modo molto originale dal filosofo e psicologo Prof. Aldo Stella e dall’attore/scrittore Diego Antolini, cresce l’interesse verso un esperimento di Narrativa Contemporanea che potrebbe aprire un vero e proprio sub-genere.
L’opera e’ infatti strutturata in due parti separate ma che seguono lo stesso filo concettuale: ogni paragrafo prevede una parte narrativa (D. Antolini) e una parte tecnico-filosofica (A. Stella) che si compenetrano e si risolvono una nell’altra a vari livelli di comprensione.

Il tema del libro “L’Intenzione di Verita’ che anima la Coscienza”, ma soprattutto la storia che coinvolge il personaggio di David, ha offerto lo spunto per questa intervista, in esclusiva per THEXPLAN.NET

1) LA STORIA DI DAVID, CHE SI RISVEGLIA IN UN’ISOLA AL DI FUORI DEL TEMPO E DELLO SPAZIO, NASCONDE IL CLASSICO DISAGIO ALIENANTE COSI’ DIFFUSO NELLA SOCIETA’ DI OGGI O C’E’ DELL’ALTRO?  

D.A.: C’e’ molto altro. E’ vero che il mondo in cui David vive la sua realta’ fisica non gli e’ congeniale e lo porta a un progressivo ‘isolamento’ che poi diviene la sua isola. Ma la storia poi evolve in una direzione ancora piu’ complessa: la relazione coscienza-macchina attorno alla quale ruota tutto il contesto apre ad una doppia prospettiva: puo’ la coscienza creare o, meglio, trovare l’isola oppure e’ necessario l’aiuto di uno strumento tecnologico che amplifichi le nostre percezioni e faccia compiere il salto “quantico” verso una diversa dimensione spazio-temporale?

2) I SETTE CAVALIERI, LA BESTIA, L’ESPERIENZA ALL’INTERNO DELLA MONTAGNA: SIMBOLI CHE VANNO OLTRE LA SEMPLICE NARRATIVA

D.A.: Quando si affrontano temi come la multidimensionalita’, le realta’ parallele e il potere dell’Inconscio si deve per forza di cose attingere all’essenza piu’ ancestrale della nostra umanita’, che sono gli archetipi. La simbologia esoterica utilizzata dalle scuole misteriche per migliaia di anni e’ talmente compenetrata nel tessuto della nostra realta’ sociale che ignorarla significherebbe svuotare la vita stessa di ogni significato. La diffusa ignoranza del mondo attuale per tale simboli e’ purtroppo una delle cause principali per la perdita dell’identita’ dell’Uomo. Anche questo aspetto, in modo piu’ o meno velato, e’ presente nella storia.

3) L’INTENZIONE DI VERITA’ E’ UN CONCETTO TEORETICO O PUO’ ESSERE APPLICATO ALLA REALTA’ SOCIALE DI OGGI?

A.S.: Si tratta di un concetto teoretico, che però può venire applicato alla vita dell’uomo nel suo complesso. L’uomo, infatti, anche se non ne è consapevole, tuttavia ricerca sempre come stanno veramente le cose. Anche per compiere un’azione, egli deve sapere quale è il vero contesto nel quale quella azione si inscrive e, inoltre, deve cercare di compierla onde raggiungere veramente l’obiettivo che si è prefissato. Quindi, anche se il suo obiettivo non è la verità come tale, poiché egli cerca veramente di raggiungere l’obiettivo prefissato, il suo comportamento è comunque animato dall’intentio veritatis. Prendiamo un caso estremo: chi dicesse che non ha affatto a cuore la verità, non di meno porrebbe una affermazione che egli considera vera, cioè sarebbe un’affermazione che si pone in virtù dell’intentio veritatis. 

4) Il “RITORNO NEL MONDO” DI DAVID DESCRIVE UNO SCENARIO FUTURISTICO NEI DESERTI DELL’ASIA CENTRALE. E’ UNA COLLOCAZIONE CASUALE?

D.A.: Non e’ casuale. In moltissime leggende di ogni tempo e religione si parla dell’Asia Centrale come del rifugio scelto dai sopravvissuti di una razza di “Illuminati”, forse i nostri antenati o forse a noi completamente alieni, in seguito all’ultima delle catastrofi periodiche che sconvolgono la Terra. Le leggende di Agharta, Shamballah, del Re del Mondo di Guenon, e dei 7 Saggi potrebbero essere frammenti di un messaggio lasciatoci con uno scopo preciso. Indicare l’Omphalos della Terra dal quale l’inizio di ogni ciclo evolutivo-spirituale potrebbe ripartire.  Anche qui possiamo parlare di un fortissimo messaggio archetipico.

5) CHE RUOLO HA L’EGO NELL’APERTURA DELLA COSCIENZA VERSO LA VERITA’?

 A.S.: L’ego è l’ostacolo: ci porta a pensare che noi possediamo già la verità e, quindi, non dobbiamo cercarla. Solo chi “sa di non sapere”, come ci ha insegnato Socrate, si mette consapevolmente in cerca della verità. Il dialogo, infatti, sorge perché ciascun dialogante in-tende ricercare la verità perché nonpre-tende di possederla. Di contro, l’ego ci induce a coltivare sogni onnipotenti, che ci portano a pensare che noi possediamo la verità e, quindi, non occorre che la cerchiamo. E chi pensa di possedere la verità non soltanto smette di cercarla, ma inoltre pretende di imporla agli altri e diventa violento. La vera democrazia si fonda sul “so di non sapere” e sull’intentio veritatis, che ci induce a riconoscere che la verità autentica, la verità oggettiva, è un ideale cui tendere, mai una certezza raggiunta. Le certezze sono dell’ego; la verità è oggettiva. Ma, proprio perché la verità è oggettiva, nessuno può avere la pretesa di possederla. Il suo compito è cercarla. Infine, poiché ciò che viene cercato, cioè la verità oggettiva, non si risolve mai in ciò che viene trovato, le certezze soggettive, la ricerca permane inesauribile.

6) IL COMMUNITRON: SCONTRO UOMO-MACCHINA PER LA CONQUISTA DELLA COSCIENZA?

D.A.: Per spiegare il senso del Communitron dovrei pubblicare un’enciclopedia. In questo libro per ovvie esigenze editoriali e concettuali mi sono limitato ad aprire una finestra su questo strumento la cui esistenza devo negare, ma che si ispira agli studi di Nikola Tesla sulle radio-frequenze e sui campi elettromagnetici della Terra. La conquista della Coscienza, o dell’Anima, puo’ essere letta in modi diversi: dal controllo mentale delle teorie cospirazioniste all’annullamento della volonta’ dettato dall’imperversare delle Teorie relativiste del mondo moderno, tema questo molto caro al Prof. Stella e del quale condivido con lui la maggior parte delle implicazioni. Per rispondere alla sua domanda, il Communitron ha varie funzioni: puo’ interagire con la mente di chi lo usa; puo’ interagire con oggetti animati e inanimati su cui la mente del navigante si focalizza; puo’amplificare le facolta’ del navigante, ma puo’ avere anche effetti pericolosissimi e imprevedibili…

7) IL CONCETTO DI FEDE SEMBRA STRUMENTALE ALLA REALIZZAZIONE DELL’INTENZIONE DI VERITA’. NON E’ UN PARADOSSO?

A. S.: A me non sembra un paradosso. La ragione ci permette di capire che la verità è autentica solo se oggettiva, come dicevo prima. Verità oggettiva è una verità che non dipende dal punto di vista di un soggetto, cioè non è relativa, ma è assoluta. Una verità relativa è una falsa verità: essa è vera se sono vere le premesse a cui essa si vincola, le quali sono vere se sono vere altre premesse, in un regresso che va avanti all’infinito. ma la verità assoluta, proprio perché tale, non può venire determinata. Rimane il fine ideale della ricerca: la stella polare che illumina il cammino di chi cerca e non una qualche certezza cui si pervenga nel cammino. Ogni certezza, infatti, è solo relativa. Come entrare in rapporto, dunque, con la verità assoluta? Abbandonando la pretesa di possederla e affidandosi ad essa, ossia confidando che sia essa a possederci, cioè a guidarci e ad illuminarci nel nostro cammino. Platone e Agostino paragonavano la Verità al Sole: solo in virtù della luce emanata dal sole noi possiamo vedere il limite di tutte le cose, cioè di tutte le verità relative; ma non potremo mai osservare direttamente il sole, perché rimarremmo abbagliati dalla sua luce.

8) MONDI PARALLELI E INTRADIMENSIONALE: UN MESSAGGIO RIVOLTO A…?

D.A.: A chi crede in tali concetti e li ha approfonditi. Per loro, la storia di David puo’ essere letta nel suo livello piu’ intimo e forse compresa appieno. In ogni caso lo scopo di questo libro non e’ quello di pubblicare un’opera tecnica o specialistica, ma di raggiungere il piu’ largo genere di lettori: quindi anche il curioso di questi temi, o la persona che ama leggere, trovera’  nell’intreccio ingredienti di dramma, avventura, amore, e soprattutto di scelte, che costituiscono a mio avviso il sale di un’opera di narrativa. 

9) CHE COS’E’ REALMENTE L’ “ISOLA FELICE”?

D.A.: Potrei parafrasare rispondendo a mia volta con una domanda: che cos’e’ la vita? La vita piena, intesa come il passaggio quantico da un micro ciclo al successivo, in armonia con le tre componenti della nostra natura spirituale, mentale e fisica, verso quell’evoluzione che possa risolvere l’eterna divisione cui in questa Terra siamo assoggettati, e realizzare l’unita’ cosi’ diffusamente auspicata dalle fedi religiose e dai grandi profeti.
Oppure potrei rispondere che l’Isola Felice e’ il luogo dove ognuno di noi puo’ trovare rifugio quando l’esistenza si fa cosi’ opprimente, cosi’ difficile, cosi’ meccanica da sentire il bisogno di “spaziare” verso altri lidi, il nostro intimo, privato, rifugio segreto.
Tra i due estremi se ne potrebbe trovare anche un terzo, che mi si e’ rivelato quando ho finito di scrivere l’ultimo capitolo, e che spero si rivelera’ anche a chi leggera’ la storia di David.

10) CHE COS’E’ LA VERITA’ NELLA SUA CONCEZIONE FILOSOFICA?

A.S.: Lei mi chiede “che cosa è verità”. L’errore è nella domanda. La verità non è una “cosa”, proprio perché non può venire determinata. La verità assoluta ci permette di cogliere ciascuna cosa nel suo limite, nel suo valore, così che ogni volta che cogliamo la relatività delle cose opera in noi la verità assoluta. Se non operasse la verità assoluta, come potremmo cogliere che ciò che abbiamo davanti è solo relativo? 

===============================================================================

Il volume, pubblicato dal GRUPPO EDICOM di Milano, e’ gia’ disponibile online, oltre che sul sito gruppoedicom.it, anche su Amazon, Deastore, Libreriauniversitaria e altri.
Per trovarlo in libreria occorre attendere la presentazione ufficiale, che sara’ il giorno 26 Novembre 2014 a Perugia.

11/03/2016 17:11:08

http://www.thexplan.net/article/66/INTERVISTA-ALDOSTELLAEDIEGOANTOLINI%E2%80%93%E2%80%9CL%E2%80%99ISOLAFELICE%E2%80%9DEL%E2%80%99ENIGMADELL%E2%80%99INCONSCIO/It
ARTICOLI CORRELATI
PROGETTO SERPO #27.0
(X-ZONE / X-PLAN)
UNA TRAGEDIA DIMENTICATA
(RUBRICHE / EVENTI)
PROGETTO SERPO #22.2
(X-ZONE / X-PLAN)
Commenti
Nome
E-Mail
Testo