www.theXplan.net OLTRE LA VERITA' UFFICIALE

Non vi chiediamo di credere, ma di riflettere

ANNO XV


31.05.2018
TXP 3.0
E' online la nuova versione del sito ufficiale del Gruppo The X-Plan, con un nuovo layout e box tematici per una lettura più immediata ed efficace. Ogni articolo presenta una foto di anteprima e una descrizione testuale. Rimangono i colori ufficiali del Gruppo e il Pianeta X, che dal 2003 ci accompagna nel nostro lavoro di ricerca. Buona navigazione.

La Commissione



X-ZONE/X-phenomena

LA TRIADE ERMETICA III

Paracelso

La Commissione
Nella storia dell'alchimia non esiste una figura piu' pittoresca e incredibile come quella di Auroelus Philippus Theophrastus Paracelstis Bombast von Hohenheim, medico illustre ed esponente della filosofia ermetica che scelse di essere ricordato con il nome di Paracelso.
Egli nacque a Einsideln, vicino Zurigo, nel 1493. Suo padre era figlio naturale di un principe e praticante dell' arte della medicina; pertanto desiderava che il suo unico figlio seguisse la stessa professione.

La prima educazione di Paracelso venne quindi indirizzata verso le scienze mediche, ma queste si impressero piu' sulla sua immaginazione per parte del mondo alchemico e dei suoi misteri, che sulla pratica vera e propria. Egli comprese immediatamente che la le tradizioni mediche del tempo non erano altro che gusci vuoti dai quali ogni sostanza si era da tempo prosciugata. Paracelso disse:

...Ho considerato con me stesso che se non ci fossero stati insegnanti di medicina al mondo, come avrei potuto imparare il mestiere? In nessun altro modo se non dal grande libro aperto della natura, scritto con il dito di Dio...”

Essendosi quindi emancipato dai legami di una medicina ortodossa e obsoleta, Paracelso iniziò un percorso personale che lo avrebbe portato a concepire un nuovo sistema in sostituzione del vecchio. Si immerse nel “libro della natura” attraverso un lungo periodo di viaggi, dal 1513 al 1524, che lo portarono a visitare praticamente ogni angolo del mondo conosciuto. Fu imprigionato dai Tartari (ma in seguito accompagnò il figlio del Kahn a Costantinopoli), si confrontò con i maghi dell'Egitto e dell'Arabia, e forse raggiunse persino l'India dei Sufi.

Studiò metallurgia, chimica e medicina, spesso accompagnandosi a vagabondi di ogni sorta. Infine tornò in Svizzera (1524) e si stabilì a Basilea, allora il luogo d'incontro di studiosi e medici, dove ottenne la cattedra di medicina all'Università. Basilea non aveva mai visto un professore più erratico e brillante di Paracelso. Il suo linguaggio esagerato, il suo comportamento eccentrico e lo splendore dei concetti che trasmetteva attraverso una nebbia di codici oscuri attraevano e sconvolgevano allo stesso tempo, portando amici ma anche molti nemici.

L'antipatia di Paracelso per la scuola Galenica si fece via via più aspra, fino a raggiungere l'apice quando egli bruciò pubblicamente i lavori di Galeno e Avicenna in un vaso di bronzo nel quale aveva gettato sodio e zolfo. Con questo atto Paracelso incorse nella collera dei suoi colleghi più conservatori e tagliò definitivamente ogni ponte con la medicina accademica.
Nonostante ciò egli continuò la sua carriera trionfale fino a quando un conflitto con i magistrati cittadini cambiò tutto: Paracelso fu costretto a lasciare Basilea e, da quel momento, vagò di posto in posto guadagnandosi da vivere come meglio poteva.
La sua morte, avvenuta nel 1541, è avvolta nel mistero. La versione più accreditata vuole che egli fosse stato avvelenato su istigazione della facoltà di medicina di Basilea.

Per quanto interessanti, gli eventi della sua vita fanno solo da corollario alle sue opere. Non solo Paracelso è stato il fondatore della moderna scienza medica, ma la teoria del magnetismo di Mesmer, la teoria “astrale” dello spiritualismo moderno, la filosofia di Cartesio sono tutti concetti che hanno attinto dai fantastici e non sempre logici insegnamenti dell'alchimista svizzero. Fu lui a riproporre la teoria “microcosmica” dell'antica Grecia, tentando di dimostrare come il corpo umano non sia altro che lo specchio quantico del Sistema Solare, collegando i sette organi ai sette pianeti. Fu Paracelso a predicare la dottrina della Volontà e la sua efficacia – potere e immaginazione – con queste parole:

...E' possibile che il mio spirito, senza l'aiuto del mio corpo ma attraverso la sola, ardente volontà, e senza una spada, possa colpire e ferire altri. E' inoltre possibile che io possa trasferire lo spirito del mio avversario in un'immagine e tenerlo li' prigioniero oppure torturarlo a mio piacimento...

...Vivida immaginazione è l'inizio di ogni operazione di magia...

...Poichè gli uomini non credono né immaginano in modo perfetto, il risultato è che le arti sono incerte quando potrebbero essere interamente certe...
Il primo principio della sua dottrina era l'estrazione della quintessenza, o mercurio filosofico, da ogni corpo materiale. Paracelso credeva che se la quintessenza fosse stata raccolta da ogni animale, pianta e minerale, il risultato ottenuto sarebbe stato lo spirito universale o “corpo astrale” nell'uomo, e che un sorso dell'estratto potesse restituire la giovinezza. Alla fine egli giunse alla conclusione che i “corpi astrali” esercitavano una reciproca influenza l'uno sull'altro, e dichiarò che lui stesso aveva comunicato con i morti e con i vivi, con questi ultimi anche a distanza considerevole.

Paracelso fu il primo a porre in essere il collegamento tra l'influenza astrale e quella dei magneti, usando la parola “magnetismo” con la sua applicazione moderna. Fu grazie a questo fondamento che Mesmer costruì poi la sua teoria dell'influenza magnetica.
Sebbene immerso in tali studi esoterici, Paracelso non trascurò la pratica della medicina. Infatti sia l'astrologia che il magnetismo divennero parte integrante dei suoi trattamenti. Quando veniva chiamato da un paziente, il suo primo atto era quello di consultare i pianeti, l'origine della malattia e se, ad esempio, il malato era una donna, egli dava per scontato che la causa del male risiedesse nella luna. La sua anticipazione della filosofia di Cartesio era nella teoria che armonizzando i vari elementi del corpo umano con quelli della natura – fuoco, terra, acqua, aria, luce – vecchiaia e morte potevano essere ritardati indefinitamente. Il suo esperimento nell'estrazione dell'essenza dei papaveri risultò nella produzione del laudano, che Paracelso usava prescrivere liberamente nella forma di “tre pillole nere”. Non a caso egli è oggi celebrato come il primo medico ad avere usato oppio e mercurio, oltre ad aver riconosciuto il valore dello zolfo.

Un altro grande problema tutt'oggi dibattuto dalla scienza moderna, e che Paracelso studiò estensivamente, è quello della possibilità di ottenere la vita dalla materia inorganica. Secondo l'alchimista questo è possibile; egli lasciò ai posteri una dettagliata ricetta per la creazione dell'Homunculus o uomo artificiale: trattando in modo particolare certe sostanze “spagiriche” - che, opportunamente a nostro avviso, non sono state mai specificate – Paracelso dichiarò di poter riprodurre un bambino umano in miniatura. Speculazioni di questo tipo, in un tempo dove praticamente ogni medico o studioso era solito imporre le proprie teorie sul popolo ignorante, potevano essere viste come strategie “di forma” più che di sostanza. Tuttavia nel corso della sua vita Paracelso mostrò una peculiare uniformità di obiettivi e un desiderio reale di penetrare i misteri della natura, anche se spesso li mascherava sotto un atteggiamento arrogante e vanaglorioso.

Abbiamo usato il termine “opportunamente” in precedenza, giustificato dal fatto che Paracelso stesso era consapevole di possedere una conoscenza illuminata, superiore, che non poteva e non doveva essere concessa a tutti. Per questo motivo egli, nel pubblicare i nove volumi della sua filosofia sotto il nome di Archidoxa Medicina, rivelò di averne pensati dieci ma l'ultimo – che doveva contenere la chiave di lettura per i primi nove – lo avrebbe pubblicato solo a certe condizioni:

...[il decimo volume] è un tesoro che gli uomini non meritano di possedere, e che potrà essere dato al mondo solo quando Aristotele, Avicenna e Galeno saranno ripudiati, e verrà giurata sottomissione totale a Paracelso...
Naturalmente il mondo non ottemperò al comando di Paracelso e così, sotto la pressione dei suoi studenti, egli alla fine pubblicò il decimo volume dell'Archidoxa con il titolo “La Chiave o il decimo libro dell'Archidoxa preso da un antico manoscritto tedesco”, ma rendendolo ancora più ermetico degli altri, così che il suo utilizzo come “chiave” sarebbe stato possibile solo agli iniziati.
Ancora sulla quintessenza, tema principale nell'Opera di Paracelso, occorre aggiungere che egli dichiarava che ogni corpo era composto di quattro elementi, e che la combinazione di questi dava origine a un quinto elemento o anima dei corpi mescolati: in gergo alchemico, il suo “mercurio”. Ma non il mercurio chimico quanto, piuttosto, il Mercurio Filosofale.
Scrive Paracelso:

...Vi sono tanti mercuri quante sono le cose esistenti. Il mercurio di un vegetale, di un minerale o di un animale della stessa specie, anche se si assomigliano, non sono precisamente identici ed è per questa ragione che minerali, animale e vegetali della stessa specie non sono mai uguali...il vero mercurio filosofale è l'umidità radicale di ogni corpo, e la sua autentica essenza...

A un certo punto della sua ricerca, Paracelso decise di esplorare il mondo vegetale per trovare la pianta che poteva essere paragonata all'oro nel regno dei metalli – una pianta il cui “elemento predestinato” doveva unire in se stesso le virtù dell'essenza di tutti gli altri vegetali. Sebbene difficilissimo da individuare, egli riconobbe con una sola occhiata (ma non si sa in quale maniera) la supremazia della Melissa su tutte le altre piante, circondandola di quella corona farmaceutica che più tardi i Carmelitani avrebbero consacrato.

Dalla Melissa Paracelso non tirò fuori, ma imparò ad estrarre l' “elemento predestinato” delle piante, la “vita prima” che, secondo il quinto libro dell'Archidoxa, combinata con altri elementi poteva riparare e rigenerare qualsiasi cellula vivente. Molto tuttavia dipendeva dalla relazione che esisteva tra il carattere della pianta e quello dell'individuo che chiedeva di essere ringionvanito.
Il fatto che egli si concentrò sulle piante parrebbe deviare dalla preminenza che gli alchimisti hanno sempre conferito ai metalli (rispetto a tutti gli altri elementi del mondo naturale) per la realizzazione della Grande Opera: ma per Paracelso sembrava facilissimo estrarre la “vita prima” dalla luna, dal sole, da Marte o da Saturno, cioè dall'argento, oro, ferro o piombo, così come dal bitume, dallo zolfo e persino dagli animali.

Quindi la sua ricetta per il completamento dell'Opera doveva muovere dal regno più complesso, variegato ed enigmatico in assoluto, quello delle piante. Poco importava se le sue idee erano in apparente contrasto con quelle dei suoi colleghi alchimisti: non nei fiori dell'Antimonio ma nel suo mercurio risiederebbe l'arcanum, egli scrisse.
Della triade ermetica discussa in questo studio Paracelso rappresenta certamente la fase finale di un percorso che gli assegna la Sefira Atziluth, o dell' “emanazione” così come Cagliostro e il Conte di Saint Germain rappresentavano Yetzirah o “formazione” e Briah o “creazione” anche se non possiamo dimenticare il genio di Fulcanelli che sarà discusso in seguito.

Che Paracelso sia riuscito o meno a trovare la formula dell' Elisir di lunga vita, di quello della giovinezza e persino della Pietra Filosofale è tutt'ora oggetto di dibattito tra alchimisti ed esoterici. Certo è che il suo studio del mondo naturale ha dimostrato come, per comprenderne i segreti più nascosti non ci si possa “fissare” su una sola categoria, ma che è attraverso l'ineffabile ritmo della natura stessa che si rivelano, quando l'occhio è vigile, gli infiniti sentieri della conoscenza ermetica.
11/07/2018 22:43:41

http://www.thexplan.net/article/383/LA-TRIADE-ERMETICA-III/it
ARTICOLI CORRELATI
PROGETTO SERPO #23.0
(X-ZONE / X-PLAN)
INTERFERENZE ALIENE: COME RICONOSCERLE
(RUBRICHE / EVENTI)
IL FANTASMA DELLE PIRAMIDI
(I VOSTRI ARTICOLI)
Commenti
Nome
E-Mail
Testo