www.theXplan.net OLTRE LA VERITA' UFFICIALE

Non vi chiediamo di credere, ma di riflettere

ANNO XV


VALMALENCO FILES
NEOBATRI E LA VALMALENCO
31.05.2018
TXP 3.0
E' online la nuova versione del sito ufficiale del Gruppo The X-Plan, con un nuovo layout e box tematici per una lettura più immediata ed efficace. Ogni articolo presenta una foto di anteprima e una descrizione testuale. Rimangono i colori ufficiali del Gruppo e il Pianeta X, che dal 2003 ci accompagna nel nostro lavoro di ricerca. Buona navigazione.

La Commissione



X-ZONE/X-plan

PROGETTO SERPO #8.0

Post #8 - Parte Prima

La Commissione
Fonte: Serpo.org
Anno: 2005

Fonte: Anonimo

“...Ho deciso di concentrare questo post sul “Team” e sul suo processo di selezione, comunicazione, problemi e scambio finale. Ci sono state molte domande su queste questioni.

INFORMAZIONI DI BASE: EBE-1 aveva fornito uno strumento di comunicazione che ci ha permesso di contattare Serpo. Questo strumento si trovava a bordo del velivolo EBEN che era caduto nel luglio del 1947 vicino Corona, New Mexico. EBE-1 ci ha mostrato come usare questo strumento di comunicazione prima di morire.
Tuttavia lo strumento non funzionava bene e non riuscivamo a stabilire nessun contatto con Serpo. Appena prima della morte di EBE-1 uno scienziato Americano di Los Alamos capi' che lo strumento funzionava se connesso ad una fonte di energia trovata all'interno del velivolo EBEN.

[TXP – EBE-1 aveva fornito tutte le informazioni possibili sull'uso dello strumento, oppure no? Sorprende il fatto che un'informazione essenziale come il connettere lo strumento alla fonte di energia del velivolo EBEN sia stata dedotta da uno scienziato terrestre e non fornita direttamente da EBE-1. Le cose sono andate davvero cosi'? E perche' EBE-1 avrebbe omesso un tale passaggio? Ha senso spiegare come funziona un cellulare e tralasciare le istruzioni su come connetterlo ad una presa di corrente per ricaricarlo?]

Con l'assistenza di EBE-1 e l'input linguistico, furono inviati molti segnali nel corso dell'estate del 1952. All'inizio di quell'autunno cominciammo a ricevere diversi segnali dallo strumento.
EBE-1 ha tradotto i messaggi e ci ha fornito informazioni. EBE-1 ha inviato in tutto 6 messaggi:
1) Informando il suo pianeta di essere ancora vivo
2) Descrivendo il crash del 1947 e la morte del suo equipaggio
3) Chiedendo una missione di recupero per se stesso
4) Suggerendo un incontro formale con i leader della Terra
5) Suggerendo un programma di scambio
(NOTA: Si crede, ma non vi sono prove documentali, che sia stato il militare USA addetto alla cura di EBE-1 a suggerirgli di organizzare uno scambio, che potesse permettere a noi di visitare il pianeta e scambiare cultura, informazioni scientifiche e raccogliere dati astronomici durante un viaggio spaziale da parte di una squadra militare Americana, quella che poi divenne conosciuta come i Membri del Team.).
6) Fornendo coordinate di atterraggio nel caso di operazioni di recupero o future visite alla Terra. Il messaggio dava un tempo e una data (secondo il sistema EBEN), e confermava il luogo di atterraggio. Ma durante la traduzione di EBE-1, si capi' che la data proposta era a piu' di 10 anni di distanza.
Per paura che EBE-1, che a quel punto si era gia' ammalato, non potesse tradurre il messaggio correttamente, i nostri scienziati cominciarono a tradurre il messaggio basandosi sul linguaggio EBEN che ci era stato insegnato da EBE-1.


(NOTA: EBE-1 era un meccanico, non uno scienziato. Egli era stato capace di insegnarci qualcosa del linguaggio EBEN. Secondo il documento che ho letto, noi riuscimmo a tradurre circa il 30% del linguaggio EBEN. Frasi complesse e numeri non potevano essere compresi.).

EBE-1 ci aiuto' fino a quando era in vita. Ma una volta morto, rimanemmo soli. Continuammo a inviare vari messaggi in un periodo di 6 mesi (1953). Ma non ricevemmo alcun messaggio in risposta. Moltiplicammo i nostri sforzi nei successivi 18 mesi e, finalmente, ricevemmo una risposta a due messaggi che avevamo inviato nel 1955.
Eravamo capaci di tradurre circa il 30% dei messaggi. Chiedemmo l'aiuto di specialisti in linguistica di varie universita' Americane e straniere. Finalmente riuscimmo a tradurre la maggior parte dei messaggi. Decidemmo di rispondere in inglese e vedere se gli EBEN potevano tradurre il nostro linguaggio in modo piu' semplice di quanto non riuscivamo a fare noi.
Circa 4 mesi piu' tardi ricevemmo una risposta in pessimo inglese. Si trattava di frasi che contenevano nomi, aggettivi, ma non verbi

[TXP – L'assenza di verbi, cioe' della categoria grammaticale che definisce il tempo dell'azione, potrebbe confermare il fatto che su Serpo il tempo non scorre. O meglio, scorre all'infinito e VIENE PERCEPITO COME TALE, senza le nostre determinazioni lineari di passato-presente-futuro.].

Impiegammo diversi mesi per tradurre i messaggi. Inviammo allora agli EBEN le nostre lezioni di inglese. 6 mesi dopo ricevemmo un altro messaggio in inglese. Questa volta era piu' chiaro, ma non abbastanza. Gli EBEN confondevano parole in inglese e non riuscivano ancora a comporre una frase completa.
Ma eravamo stati in grado di fornire il livello base di abilita' per comunicare in inglese. In un messaggio essi ci inviarono una forma di alfabeto EBEN con le corrispondenti lettere in inglese. Il nostro linguista ebbe grandi difficolta' nel comprendere questo documento. Il linguaggio scritto degli EBEN era semplicemente un insieme di caratteri e simboli, ma era estremamente difficile comparare i due linguaggi scritti.
Nel corso dei successivi 5 anni siamo stati capaci di perfezionare la nostra comprensione del linguaggio EBEN (in qualche modo) e gli EBEN furono in grado di avere una migliore comprensione dell'inglese. In ogni caso avevamo ancora un grosso problema: riuscire a coordinare una data, un tempo e una localita' per un atterraggio EBEN sulla Terra. Anche se potevamo fondamentalmente capire un po' di EBEN, e gli EBEN potevano capire un po' di inglese, noi non riuscivamo a comprendere il loro sistema di misurazione del tempo e di datazione, cosi' come loro non capivano il nostro.
Inviammo loro il calendario della rotazione della Terra, del periodo di rivoluzione, sistema di datazione, ecc. Ma per qualche ragione, gli EBEN non riuscirono mai a capire questi concetti.
In risposta, gli EBEN ci inviarono il loro sistema, che era difficile da capire per i nostri scienziati in quanto non avevano alcun punto di riferimento per il pianeta. Gli EBEN non fornivano alcun dato astronomico su Serpo, ne' sul loro sistema. Allora decidemmo di inviare immagini della Terra, paesaggi e un semplice sistema numerico per fissare i periodi temporali.
Gli EBEN inviarono un messaggio di risposta, dicendo che sarebbero tornati sulla Terra a una cifra, data e localita' particolari che noi avevamo scelto. La data era 24 aprile 1964 e la localita' era il settore meridionale del White Sands Missile Range (WSMR), New Mexico...”

[CONTINUA]

21/05/2017 17:43:45

http://www.thexplan.net/article/234/PROGETTO-SERPO-8.0/It
ARTICOLI CORRELATI
PROGETTO SERPO #23.0
(X-ZONE / X-PLAN)
CONVEGNO USAC 2006
(RUBRICHE / EVENTI)
SACRO FEMMINILE IN UMBRIA
(RUBRICHE / EVENTI)
Commenti
Nome
E-Mail
Testo