www.theXplan.net OLTRE LA VERITA' UFFICIALE

Non vi chiediamo di credere, ma di riflettere

ANNO XV


VALMALENCO FILES
CHI CI STAVA GUARDANDO?
31.05.2018
TXP 3.0
E' online la nuova versione del sito ufficiale del Gruppo The X-Plan, con un nuovo layout e box tematici per una lettura più immediata ed efficace. Ogni articolo presenta una foto di anteprima e una descrizione testuale. Rimangono i colori ufficiali del Gruppo e il Pianeta X, che dal 2003 ci accompagna nel nostro lavoro di ricerca. Buona navigazione.

La Commissione



X-ZONE/X-plan

PROGETTO SERPO #7.0

Post #7 - Parte Prima

La Commissione
Fonte: Serpo.org
Anno: 2005

Fonte: Anonimo

“…Questi sono alcuni dati geologici riguardo Serpo registrati dal nostro Team:
- Il diametro del pianeta e stato misurato in 7.218 miglia (11.616,24Km)
- La gravita’ di superficie e’ di 9.60m/s2
- Il periodo di rotazione e’ approssimativamente di 43 ore

Nel Team vi erano due geologi (che erano stati addestrati anche come biologi). La prima cose che fecero fu di mappare l’intero pianeta, dividendolo a meta’ creando un eguatore. Poi stabilirono l’emisfero nord e quello sud. In ogni emisfero furono creati 4 quadranti.
Infine, essi stabilirono i poli “nord e sud”. Questo era il metodo piu’ semplice per studiare il pianeta. La maggior parte delle comunita’ EBEN erano dislocate lungo l’equatore, anche se vi erano alcuni insediamenti in ciascuno dei 4 quadranti dell’emisfero settentrionale. Non vi erano comunita’ ai poli. Il polo sud era deserto, terra arida con zero precipitazioni, dove non cresceva nulla.

[TXP – Non viene menzionato alcun dato esplicito riguardante l’emisfero meridionale ma possiamo dedurre che non vi fossero insediamenti nei 4 quadranti a sud dell’equatore]

Vi erano formazioni di roccia vulcanica e parte dell’estremo sud aveva un deserto di roccia. Le temperature al polo sud misuravano tra il 90° e i 135°F (32.22°C - 57.22°C). Procedendo verso nord dal polo sud (Quadrante 1), il Team trovo’ rocce estrusive, a indicazione di un’attivita’ vulcanica in quell’area. Vennero osservati, infatti, numerosi vulcani in quest’area.
I ragazzi trovarono varie crepe eruttive nella regione, che ospitavano acqua. L’acqua fu testata e vennero rilevati alti livelli di zolfo, zinco, rame e altri composti sconosiuti. Spostandosi ad est verso il Quadrante 2, il Team trovo lo stesso terreno di roccia vulcanica.

In una partiolare zona vicino alla fine del Quadrante 2 il nostro Team trovo’ strati alcalini. Sulla Terra questi si formano da flussi che scorrono in un deserto o una zona arida. Vennero trovati sali alcalini che coprivano fango essiccato. In quest’area vi era la presenza di un po’ di vegetazione.
Nel Quadrante 3 venne osservato un terreno simile alle Badlands: una regione arida allineata con GULLIES punteggiati di vegetazione sparsa. Tali valli erano estremamente profonde, alcune fino a 3,000 piedi (914m).
Il Team trovo’ il primo animale di Serpo in questa regione. Era simile a un armadillo, ma estremamente ostile. La creatura tento’ di attaccare i ragazzi molte volte, ma al guida EBEN uso’ una specie di apparecchio sonoro (raggio sonico direzionale) per spaventare l’animale.

Procedendo verso la regione equatoriale il Team trovo’ un territorio desertico con macchie di vegetazione sparsa. Vennero anche trovate numerose sacche d’acqua provenienti da pozzi Artesiani. Questa acqua era la piu’ fresca e conteneva solo composti sconosciuti. Aveva un buon sapore e gli EBEN la bevevano e la usavano. I nostri continuarono pero’ a bollirla perche’ durante i test di coltura vennero identificati vari tipi di batteri sconosciuti.

Spostandosi verso l’emisfero settentrionale il Team annoto’ un drastico cambiamento nel clima e nel paesaggio. Uno dei membri, che aveva coniato il termine Qadrante 1 nell’emisfero nord, chiamo’ quest’area “Little Montana” [TXP – "Piccolo Montana"]. Vennero trovati alberi simili ai sempreverdi terrestri. Questi alberi venivano munti dagli EBEN, che ne estraevano un liquido bianco per berlo.
Vi erano anche molti altri tipi di vegetazione in questa regione. Fu osservata acqua stagnante alimentata da pozzi artesiani o spaccature eruttive. Fu anche trovata una zona paludosa, dove crescevano piante molto grandi. Gli EBEN usavano queste piante come nutrimento; il loro bulbo aveva un sapore simile al melone.

Alla fine il nostro Team si trasferi’ in un’area del Qadrante 1 nell’emisfero nord. Quest’area aveva una temperature moderate (50°-80°F / 10°C-26.67°C) e ampie zone d’ombra. Gli EBEN costruirono una piccola comunita’ per i nostri ragazzi. La maggior parte della restante esplorazione del pianeta fu fatta partendo da qui. L’emisfero meridionale venne esplorato solo una volta, e tutte le informazioni geologiche furono raccolte.

A causa dell’intenso calore il Team decise di non tornare indietro, ma di continuare ad esplorare l’emisfero Nord. Man mano che si procedeva verso il polo le temperature diminuivano considerevolmente. Vi erano montagne che si innalzavano fino a 15.000 piedi (4,572m) e valli che sprofondavano ben al di sotto della lina base che il Team stabili’ quale “livello del mare”. Campi di vegetazione lussureggiante contenevano una specie di erba con bulbi. Il Team denomino’ questi campi “Campi di trifoglio”, anche se I bulbi non erano di trifoglio.

Il livello di radiazioni era piu’ basso nell’emisfero settentrionale rispetto all’Equatore e all’emisfero Sud e vi era un clima freddo con tracce di neve: il paesaggio intorno al polo nord ne era ricoperto. La neve era alta circa 20 piedi (6.1m) nel suo punto massimo.
La temperatura era costante a 33°F (0.56°C). Non furono mai rilevate variazioni della temperatura in questa regione. Gli EBEN non riuscivano a vivere in quest’area troppo a lungo senza soffrire di ipotermia acuta. La guida che accompagnava il Team indossava una tuta simile a una tuta spaziale, con un sistema di riscaldamento integrato.
Il nostro Team trovo’ le prove di terremoti: faglie lungo la punta settentrionale dell’emisfero sud. Furono osservati i fenomeni dell’esfoliazione e delle rocce estrusive che indicavano la fuoriuscita di magma in epoche passate.
Il nostro Team riporto’ centinaia di campioni di suolo da Serpo, vegetazione, acqua e altri oggetti per essere testati sulla Terra...”

[CONTINUA]
07/05/2017 14:50:01

http://www.thexplan.net/article/230/PROGETTOSERPO-7.0/It
ARTICOLI CORRELATI
SEGNALI NEL GRANO: QUANDO L'ARTE ATTRAVERSA IL MISTERO
(RUBRICHE / EVENTI)
ACAM: MILLENNIUM, MOSTRA INTERNAZIONALE SUI MISTERI (28 FEB-28 MAR 2004)
(RUBRICHE / EVENTI)
'SVELATO IL MISTERIOSO POTERE DELLE PIRAMIDI' , IL PRIMO LIBRO DI ALESSANDRO LEONARDI
(RUBRICHE / EVENTI)
Commenti
Nome
E-Mail
Testo