www.theXplan.net OLTRE LA VERITA' UFFICIALE

Non vi chiediamo di credere, ma di riflettere

ANNO XV


VALMALENCO FILES
NON SIAMO MAI STATI SOLI
31.05.2018
TXP 3.0
E' online la nuova versione del sito ufficiale del Gruppo The X-Plan, con un nuovo layout e box tematici per una lettura più immediata ed efficace. Ogni articolo presenta una foto di anteprima e una descrizione testuale. Rimangono i colori ufficiali del Gruppo e il Pianeta X, che dal 2003 ci accompagna nel nostro lavoro di ricerca. Buona navigazione.

La Commissione



RUBRICHE/Recensioni

AMRIR DI MAYA

Davide Russo Diesi
Fonte: Uno Editori

“Amrir di Maya” è la storia di un ragazzo Italiano, Davide, che in seguito a un incidente in Danimarca vive un'esperienza di premorte e poi, uscito dal coma, torna nel suo paese d'origine per ricominciare una nuova vita.
La nuova vita di Davide, tuttavia, è stata “donata” da intelligenze extraterrestri che non solo ne hanno salvato il corpo, ma lo hanno “preparato” (geneticamente e spiritualmente) a una missione importantissima per il futuro della Terra. Davide diventa così uno dei 144.000 Walk-In attualmente presenti sulla Terra con il compito di guidare l'umanità verso il passaggio alla 4a dimensione (4D); tale missione viene supportata grazie ad una connessione mentale e fisica con il suo Avatar Amrir, un essere proveniente dal Pianeta-Sole Maya (Costellazione delle Pleiadi).

Cosa sono i Walk-in? Cos'è un Avatar?
Secondo la definizione corrente, i Walk-In sono quegli esseri extraterrestri che formano un profondo legame di “simbiosi” con il soggetto umano, tanto da poter usare quest'ultimo come “contenitore” attraverso il quale comunicare e agire sulla Terra.
Davide, dal giorno del suo risveglio, ha avuto questo link diretto con Amrir, che quindi è divenuto il suo Avatar, cioè un “altro io” o meglio un “extra io”, avente carattere esogeno e, per definizione, alieno al soggetto stesso.
Nel libro, Davide ripercorre la sua storia e descrive i numerosi viaggi astrali e fisici con le entita’ provenienti dalle Pleiadi, per poter essere educato alla sua missione.
Conosciamo così, attraverso le parole dell'autore Davide/Amrir, Itackar e Atackar, due esseri del pianeta Masar e coloro i quali prelevano Davide dai luoghi d'incontro (in montagna); Ashtar Sheran, Comandante della Federazione Extraplanetaria riunita in un Consiglio sul Pianeta-Astronave Nibiru; Sienohev, Pleiadiano di Maya come Amrir, e medico di bordo che assisite il corpo di Davide evitando alle cellule lo shock per i continui spostamenti dimensionali cui viene sottoposto; Aron Sumase, tutor personale di Davide durante le sessioni di training sull'Astronave Ammiraglia; Ptaah, Ammiraglio Pleiadiano.
Attraverso ripetuti contatti con questi e altri esseri di luce (che assumono forme concrete per facilitare la percezione visiva di Davide) l'autore riceve molte informazioni sulla storia della Terra, sul presente e sul futuro del pianeta, e su come creare gruppi di risvegliati (PAG) che dovrebbero traghettare gli altri esseri umani e la Terra stessa verso la nuova dimensione vibrazionale (4D).
Ashtar Sheran, Aron Sumase, e il suo Avatar Amrir trasmettono all'autore informazioni sul funzionamento dell'Universo, sull'”Armon” (uno dei nomi di Dio o Matematico Universale), sul 9 come numero fondante della creazione; avvertimenti sul possibile destino della Terra (solo in piccola parte rivelati nel volume) e sul monitoraggio costante che il Concilio di Nibiru esegue sull'andamento della vita terrestre.
Vi sono cenni all'utilizzo dell'elettromagnetismo come elemento principale per i viaggi spazio-temporali e come uno degli elementi propulsori per il funzionamento delle macchine volanti.

Al piano galattico di risveglio si oppongono i Suriani, una razza extraterrestre che da sempre controllerebbe la Terra manipolandola per mantenerla in 3D e sfruttarne le risorse sia materiali che spirituali (anima).
A Davide viene concesso di raccontare le sue esperienze in modo parziale, sia per motivi di “sicurezza” mondiale, sia per ragioni sconosciute anche a lui stesso.
Un codice compare costantemente nel volume, ed è il codice di ascensione planetaria 0Y1 HP3 12 che, secondo Davide/Amrir, sarà fondamentale al momento in cui Mayani, Pleiadiani, Centauriani, Orioniani, Siriani componenti la Federazione Galattica Universale potranno rendersi visibili in massa all'Uomo e salvare la Terra dalla catastrofe cui sarebbe destinata sul piano della Terza Dimensione.

Davide, come altri canalizzati, mostra nel suo libro un amore e una fiducia incondizionati nei confronti degli esseri che lo hanno salvato e gli hanno donato una nuova vita (e, con essa, un'enorme responsabilità).
Pur essendo molto difficile giudicare obiettivamente nel merito una vicenda, quella dell’individuo “canalizzato” da forze superiori, in quanto sembrano sempre mancare tutte le informazioni necessarie, certamente rimane il dubbio se chi viene canalizzato sia davvero in contatto con esseri di altri pianeti (o piani dimensionali, o entrambi), o se invece la sua mente sia in grado di elaborare concetti straordinari, vividi e realistici, ma pur sempre endogeni all'infinito labirinto dell'Inconscio. Qual è la linea di demarcazione tra queste due visioni? Credere o non credere. In ultima istanza, aver fede?
Nel nostro piano di realtà, ogni ipotesi o idea viene radicata nell'inconscio attraverso un archetipo o un simbolo, e la sua proiezione sul piano oggettuale diviene “reale” quando un evento o un fatto può essere analizzato e verificato con i sensi a nostra disposizione (soggettivizzazione della realta’). Personalmente voglio credere che la straordinaria esperienza di Davide e di altri “channelers” sia collegata a civiltà che, a differenza di noi, hanno da tempo superato le barriere che nel nostro mondo causano violenza, dolore, poverta’, e miseria; civiltà che possano aiutare l’Uomo a crescere nel percorso evolutivo cosmico in armonia con il Pianeta che lo ospita.
Voglio credere perche’ considerare punti di vista diversi, seppur nuovi e apparentemente “impossibili”, non puo’ che portare ad una maggiore apertura e, quindi, ad un'evoluzione della mente e dello spirito che possa prepararci al nuovo.
Stiamo vivendo un'epoca di grandi cambiamenti, questo è innegabile, e il futuro – o i futuri possibili – dell'Umanità dipenderanno solo dall'Umanità stessa, dalle sue scelte, dalla sua apertura verso l'Armonia Universale, e dalla sua volontà di creare.

07/03/2016 15:03:19

http://www.thexplan.net/article/15/AMRIR-DI-MAYA/It
ARTICOLI CORRELATI
TXP E SZ-X – IL GRUPPO THE X-PLAN INCONTRA LA CINA
(RUBRICHE / EVENTI)
ANCORA STRANI SEGNI IN UN CAMPO DI GRANO
(I VOSTRI ARTICOLI)
PROGETTO SERPO #27.10
(X-ZONE / X-PLAN)
Commenti
Nome
E-Mail
Testo