www.theXplan.net OLTRE LA VERITA' UFFICIALE

Non vi chiediamo di credere, ma di riflettere

ANNO XV


VALMALENCO FILES
NON SIAMO MAI STATI SOLI
31.05.2018
TXP 3.0
E' online la nuova versione del sito ufficiale del Gruppo The X-Plan, con un nuovo layout e box tematici per una lettura più immediata ed efficace. Ogni articolo presenta una foto di anteprima e una descrizione testuale. Rimangono i colori ufficiali del Gruppo e il Pianeta X, che dal 2003 ci accompagna nel nostro lavoro di ricerca. Buona navigazione.

La Commissione



RUBRICHE/Recensioni

L'ALTRA FACCIA DI OBAMA

Enrica Perucchietti
Fonte: Uno-Infinito Editori
 Stile: formato giornalistico/divulgativo, con frasi brevi e ad effetto, ricorda molto da vicino la struttura dei saggi di David Icke, che peraltro viene nominato dando punti di vista alternanti (grande giornalista d'inchiesta e storia della cospirazione, ma quasi totalmente "ignorante" in materia simbolico-esoterica, opinione personalissima dell'autrice che non mi sento di condividere).

Altri autori spesso citati e che formano i pilastri argomentativi del volume sono Noam Chomsky e Daniel Estulin.

Il piacevole e distaccato stile cronicistico presenta una vasta documentazione con riferimenti bibliografici precisi, che tuttavia sono intercalati da citazioni e informazioni prive di ogni nota di referenza sulla fonte, e che lasciano qualche dubbio sull'appartenenza o meno alle ricerche dirette o al background dell'autrice.

Avrei voluto leggere un po' piu' di coraggio da parte dell'autrice nel prendere una posizione netta e trasmettere il suo reale punto di vista sulla natura di Obama e sulle ragioni che si muovono sistematicamente all'interno dell'establishment politico/finanziario piu' o meno occulto.

Appare invece piu' chiaro, nei pochi riferimenti alla materia esopolitica degli Extraterrestri, lo scetticismo e la "velata" ironia con cui viene affrontato e commentato il tema che, seppur inquinato da anni di falsificazioni, depistaggi, e "debunking", rimane molto delicato. La mia sensazione e' che l'autrice abbia voluto in qualche modo "rassicurare" il lettore evitando di destabilizzare le sue convinzioni instillate da media e letteratura quasi secolare in merito a UFO e Alieni. Se da un punto di vista commerciale questo e' comprensibile, esso stride con la tessitura tematica del libro, che punta al contrario a un "risveglio di consapevolezza".

Nella prima parte viene descritto con dovizia di particolari il panorama della politica Americana degli ultimi decenni; vi vengono descritti i legami tra Obama e i suoi "mentori" e stretti collaboratori affiliati alle lobby finanziarie, assicurative, e sanitarie degli States. Un breve exursus in tema neurolinguistico per spiegare il grande magnetismo che ha accompagnato il Senatore Afroamericano durante la campagna elettorale; un capitolo dedicato alle origini "pastorali" (da leggere sia in senso etnico che religioso), e il lettore viene trainato al messaggio finale e giornalisticamente piu' importante di questa sezione: Obama e' realmente un cittadino Americano?
La seconda meta' della prima parte descrive in dettaglio l'ascesa di Obama alla Presidenza a partire dagli anni di "inbreeding" nel crogiolo politico/finanziario di Chicago. Un passaggio obbligato e' il mondo di Wall Street che e' di piena attualita' in questo periodo di "crisi", e poi un finale esplosivo (mi si passi il termine) sulla politica estera di Obama, sulle guerre che si stanno combattendo in Medio e Vicino Oriente (rivolte e sommosse popolari incluse) e su quelle tenute in caldo per il futuro prossimo.

Un punto di vista che mi ha colpito molto e' l'opinione dell'autrice sulla strategia dell'Occidente (leggi: CIA) che starebbe ancora perseguendo la stessa politica dai tempi della Guerra Fredda, nel tentativo di accerchiare la Russia conquistando le sue ex-provincie periferiche (Ad Esempio l'Afghanistan), e recidendo nettamente il tentacolo "Cinese" che si e' allungato fino in Africa. Si accenna addirittura ad una possibile guerra contro Iran e Nord Corea, Siria e Yemen, suggerendo la volonta' degli USA di creare un "Sacro Americano Impero" mediante l'esportazione forzata del suo modello democratico. Condivido in parte lo scenario geopolitico che viene descritto, ma non mi sento di seguire la linea di un'alleanza Sino-Russa ne' tantomeno mi appare credibile un conflitto contro Iran e Corea del Nord, soprattutto alla luce delle problematiche interne che l'economia Americana deve risolvere. O, detto in altri termini, spero ferocemente che questo non avvenga mai.

L'intermezzo e' un bel racconto di Obama e dei suoi rapporti con Brzezinski, fautore della Sinarchia e dell'espansione Americana verso Oriente attraverso l'indebolimento del blocco Sovietico; il tema, che ha prodotto una letteratura copiosa, viene addolcito da alcune puntate di "gossip" sulle abitudini presunte omosessuali del Presidente, e sulla "competizione" che sarebbe intercorsa tra Obama e un suo "gemello" su chi dei due le lobby avessero dovuto investire per la corsa alla Casa Bianca.

E' nella seconda parte che l'autrice sceglie – ahime' – la strada "metaforica" dell'Alieno. Se e' vero che la nostra psiche agisce sulla realta' filtrandola attraverso molteplici elementi soggettivi, prima di identificare e riconoscere un oggetto come "reale", sarebbe stato a mio parere piu' completo e certamente piu' audace il non liquidare il tema "Alieno" come un mero prodotto di una mente piu' o meno "connessa".

In quasi tutto il volume l'autrice termina i paragrafi interni dei capitoli con una serie di domande in sequenza, lasciando volutamente al lettore la ricerca della risposta secondo le proprie convinzioni personali, ma chiaramente insinuando il "dubbio" sulla realta' stratificata e plasmata da un "Supergoverno" Mondiale in cui ci troviamo a vivere. Un altro chiaro messaggio che ci viene confermato a piu' riprese durante la lettura del volume e' che il Governo Mondiale e' attuale; che la manipolazione dell'uomo e' attuale; che l'Establishment che sta dietro il NOM (Nuovo Ordine Mondiale) e' sempre piu' onnipotente. Linea condivisibile, ma quando si tratta del tema di Alieni ed Extraterrestri, si ricorre alla metafora, senza lasciare molto spazio al dubbio, se non quello celato nelle "Rovine della Mente", per citare un romanzo a me particolarmente caro.

Il capitolo sulla linea di sangue che accomunerebbe Obama ai Bush e ai Clinton fino ad arrivare alla Famiglia reale Britannica, la natura "magicko/simbolica" degli Illuminati, gli OGM, e la manipolazione mediatica fino all'inserimento dei microchip sottocutanei, sono altri temi trattati in modo giornalisticamente molto preciso e comprensibile. E' obiettivamente molto difficile trovare elementi nuovi su argomenti molto controversi e "controllati".

Ho particolarmente apprezzato il riferimento a G.Orwell, uno di quegli scrittori che, insieme a H.G.Wells e a Joyce, hanno contribuito enormemente al sollevamento del "Velo di Maya" di una parte consistente della nostra Matrice.

Altro commento favorevole vorrei spenderlo per il riferimento a John F. Kennedy e alla sua battaglia contro i poteri occulti che lo circondavano. Un paragone con Obama – come giustamente ha titolato in un paragrafo l'autrice – e' quanto di piu' lontano riuscirei ad immaginare e, francamente, dopo l'esperienza Kennedy, e' altamente improbabile un secondo errore.

Se cambiamento deve esserci, conclude l'autrice, esso deve partire dal basso. Giusto. Ma vorrei non aver letto che "...l'azione non sia mai dogmatica...che non diventi una logica della violenza pura...ma sia disinteressata e, se violenta, deve esserlo artisticamente"! [Il corsivo e' dell'autrice, la sottolineatura e il punto esclamativo sono di chi scrive n.d.r.]

Questo passaggio mi ha riportato alla mente la teoria della "guerra giusta" postulata da Sant'Agostino (?) per giustificare il delirante periodo delle Crociate. Se il messaggio dell'autrice e' che da quell'epoca di sangue e ferocia l'uomo non e' mai riuscito ad affrancarvisi in otto secoli di presunta "evoluzione"; che tutt'ora siamo impegnati in una Crociata "cibernetica" che ha lo scopo di annientare l'Oriente per dominare il Mondo; che siamo tutti strumenti di un Grande Burattinaio che ci muove attraverso i fili di un'Ombra che ci e' stata iniettata da millenni, e che si chiama PAURA, allora questo libro merita di essere letto.

Vorrei che l' "Alba di una nuova Era" potesse sorgere e illuminare con i suoi raggi d'oro quell'Ombra sull'Anima.
07/03/2016 11:43:25

http://www.thexplan.net/article/11/LALTRA-FACCIA-DI-OBAMA/It
ARTICOLI CORRELATI
PROGETTO SERPO #24.0
(X-ZONE / X-PLAN)
RA E IL FENOMENO UFO
(I VOSTRI ARTICOLI)
PARTNERS
(PARTNERS)
Commenti
Nome
E-Mail
Testo