VENTIQUATTRESIMA DIAPOSITIVA

"Qui siamo a Malta. Io sono personalmente stato a Malta due volte. Una volta ho anche avuto il piacere di essere l con Robert Bauval, e in una delle mie visite ebbi l'aiuto del Ministro del Turismo Michael Refalo, che fece in modo di farmi vedere questi crani. Nei sotterranei di Malta vi erano conservati dei corpi con dei crani allungati naturalmente, non vi erano deformazioni. Questi crani risalivano al neolitico maltese e furono per la prima volta segnalati da...un medico che si subito accorto dell'anomalia di questi crani...probabilmente si tratta di una degenerazione, in quanto probabile che...avessero perpetrato la loro linea genetica attraverso unioni familiari, e quindi col tempo il DNA fosse andato man mano depauperandosi, e avrebbe dato vita a delle deformazioni...Tutti questi crani sono la prova di una cultura diversa esistita almeno fino al 3500 a.C., visto che si ritrovano tracce anche in Egitto in epoca predinastica, o in prima epoca dinastica."