VENTIDUESIMA DIAPOSITIVA

"Qui abbiamo un classico Nefilim, un essere dalla testa di serpente. Perchè il serpente? Vi ho mostrato prima il caduceo, che vede due serpenti che si attorcigliano intorno all'asse. [il serpente] non è un simbolo malevolo, o almeno, siccome il serpente rappresenta la forza dell'Eros, può essere malevolo se inchioda l'uomo alla materia attraverso il piacere; ma se visto come strumento di evoluzione, il serpente, la forza dell'Eros può essere sublimata e portare l'uomo alla conoscenza, proprio come noi oggi conosciamo la tradizione induista, che è quella che maggiormente ha portato questi concetti...
Qui vedete ancora una dea femminile con una testa di serpente perchè molte volte, il fatto che il serpente in genere è di qualità femminile...è perchè la dea porta...la conoscenza, perchè l'uomo è formato da tre corpi: corpo, anima e spirito. L'anima è l'aspetto femminile acqueo, quindi sono le acque che ci compongono. Lo spirito è l'energia che scaturisce dall'unione tra il corpo e l'acqua, tra il corpo e la nostra anima. Questo dicono le dottrine iniziatiche: attivando queste due polarità abbiamo la terza componente-figlio che è quella solare, l'energia, il corpo principale. Il corpo che generiamo attraverso il percorso di conoscenza
."